Latest Posts

Folate di vento (1978)

vento.jpgQuale compiersi

sto per leggere,

quale piccolezza

ci aspetta?

 

..Eppure ricercano il modo

di rendere l’acqua più pura:

confidiamo che non sia

più insipida.

 

Tu stai sospirando

di guadagnarti il diritto a vivere.

In questa simiglianza

forse ci vorremmo bene.

 

Un soffio di respiro,

una folata di vento,

una pompata di cuore.

 

Incontro pallido di un pomeriggio di sole.

Questa pace sta chiedendo troppo!

Dies irae

Ho battuto tutte le strade,

ho ,forse,cercato ,

dove non eri..?.

             Non ho ricevuto sconti.

Dal cavo delle viscere

ho gridato di dolore,

quando hanno sradicato

le radici della mia pianta.

                Nessuno se ne è accorto?

Venduta e traslocata,

non è rimasto niente,

ma tu chiedevi un esodo.

           A nessuno è importato?

 Ho bruciato come un’albero,

fino alle ceneri,

Ho pianto, come un fiume,

fino a che non si è seccato.

            Nessuno se ne è curato?

Non mi sono nascosta,

credendoti nascosto.

Sono stata nuda e misera

davanti a te.

            Nessuno ha visto?

 Sono stata coperta,

da mille altri volti

che hanno riempito

di notte il mio.

          Nessuno ha vigilato?

 Così ora attendo

l’altro tuo volto,

dopo quello dell’amore

che mi ha consumato:

quello terribile

della tua giustizia.

            Nessuno lo ha scorto?

Mostrati,

a chi non ha ricevuto

amore e misericordia.

          

Così vedranno!

 

 nella cella dei miei pensieri.JPG

Non è vero…

 

 

 Nogirasole.jpg,non è vero che dimentico…

semplicemente mi abituo,

..alla tua ..alla vostra

…assenza!

Vi porto addosso

come i panni che mi cingono,

come il nodo di pianto

che sale in gola,

come le spine

che graffiano

il cuore.

No,non è vero che dimentico,

mi abituo :

ai nuovi “amici”,

seminanti i loro anch’io,

alla loro assenza,

alla vostra assenza,

semplicemente

mi abituo.

Brezza

cccc.jpg

                    

Note gravi del pentagramma del prato,

                               in chiave di brezza leggera….

Partitura

                            c.jpg                                         

Una partitura è l’insieme di molti righi musicali condensati

in una sola parte complessiva,ad uso del compositore …,

una rappresentazione scritta che può essere

suonata,cantata,ascoltata,sentita….,
così uno spartito risulta una buona metafora

                                                                     per indicare un tratto di vita,               un percorso,un sentiero, una strada ,un cammino……con un andamento diverso:piano, accidentato,faticoso,semplice,urtante.caldo….fresco…

                                                                                

4.jpg

 Così come il compiersi di un giorno!

Tedio

                       casa.jpg             

Polvere di sabbia e tedio

si accumulano nelle tue stanze..

Frusciante silenzio..oceano assordante..
 ogni notte aspetto il tuo             canto.

Assenza


 


Visione impalpabile

 

eppure così tangibile!

 

Nell’assenza di Sè

 

la presenza di Te

            
                                                  


 

 

Lo scatto

Fremito che valica

il muro

scrolla il corpo

s’addensa nella nuca.

I files si mescolano…

….dall’ordine allo scompiglio,

durante tutto il Tempo

richiesto

per restituire compostezza

a questa casa sgangherata,

con una porta chiusa

ed una aperta ,

che uno sbuffo

la sottrae alla vista..

L ‘estensione di uno scatto.

 

 

 

 

 


Nei tuoi occhi, i miei .

 

Se la vita mi è stata data in dono,

non potrò che offrire la mia vita

Nella mia libertà e nella mia illibertà,

 dovrò scoprirne il riflesso in ognuno.

Se gratuitamente e liberamente sono amata,

vivrò amando liberamente e disinteressatamente.

Che cosa mai potrei commerciare con Dio?

Che cosa posso mercanteggiare con chiunque altro?

In caso contrario che specie di amore è mai questo?

vita.jpg

Pareti

pareti.jpg

 Aggrappata su pareti.di roccia ..,

 il giorno.

Le mani callose e doloranti

saggiano per cercare un presa certa.

Se mi abbandonassi al vuoto,

in un attimo

si darebbe fine alla fatica.

Lusinga del vuoto o conclusione a modo mio?

Riprendo la salita,

chiedo di approdare al culmine

per godere dello spazio aperto ,

considerare le tracce

di chi è già giunto.

Grido di dolore in questo

deserto,

per dirmi,per comprendere la vita

Attendo nelle umide cavità…la notte.

Giungerò a contemplare

quanto si schiuderàalla compassione.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sordità

 

Intermezzo di stille di brina

Utensili ripudiati

di un brano

Illeggibile

Audizione di miseria.

Ritmo petulante,

pressante,ossessivo,

urgente

di nessuno.

Fiaccamente ripeti al tuo specchio

la frottola

di una storia

inventata

per vivere la tua vita

e

plasmare per me

la tua fotocopia.


 

acqua che scorre

nifea


Se tu..se io..se noi..

Confidenti,alleati,
compagni di viaggio…
non pretendevamo conoscere
come proseguisse …

Vestivamo la forza di chiudere,
anche lì!
Senza considerare il peso
la durata,l’estensione,
le privazioni.

Non mi affligge quello
che è già finito.
Ti imputo però
la misura del presente.
Questo è crudelmente
Inestimabile.

Fiducia

Fidati di te.

Diventa stolta

Alle parole altrui

quando ti precorrono l’esistenza,

per delimitarti nella loro via.

Fidati di te,

e scegli.

Ascolta il verso che afferra

Il tuo cuore,

pure quando sbaglia.

Fidati di te.

Non sapendo,

conosci.

Finestra chiusa

 

 

111501806.JPG
Annoda con forza le dita,

con gli occhi calati

sbucciati il mondo

a cui indirizzare lo sguardo.

Sciogli le pieghe del viso ,

abbandona al tempo

il grido

che vai trattenendo..

-Dio, quanto è gravoso essere

riposta dove mi hanno destinato!-

 

 

 

 

 

Silenzio

Silenzio…

Per gustare la vita.

Per invitare a fermarsi

Per percepire la bellezza.

Per indicare un modo di essere.

Per tuffarsi nello stupore.

Per attendere che giungano in tanti

Per scoprire in che modo si resta.

Soltanto per una sosta..

Dimora semplice

764655740.jpg

Demolirò la mia casa,
foss’anche di pietra.
Abbatterò le sue dottrine,
una ad una,
per non scovarci più nulla.

Una distesa scavata,
che non scorge l’orizzonte
e neppure afferra il margine,
spalancata ai venti .

Amputerò il frastuono,
l’occuperò di silenzio.
Alcune parole,
rare, da dissodare,
ripetute,percosse,
saranno il suolo.

Farò lite con Dio,
quando l’avrò trovato.

Premio e castigo

c968fc0069a2b8a4ad6706dc465653a9.jpg

“Signore, se ti adoro per timore dell’Inferno, bruciami nel fuoco infernale, se ti adoro per la speranza del Paradiso, rifiutami il Paradiso. Ma se ti adoro soltanto per amor tuo, non mi negare il tuo eterno splendore” (Rabi’ a al- Adawiyya).

L’albero del melo

Ho venduto le mie mele,

dolci e saporite,

le ho pesate sinceramente.

Erano forse venti, in tutto:

il peso che potevo sostenere.

Ho sorriso ai compratori,

pur se la mia fame

reclamava il triplo

di quanto hanno pagato

Il sale del fiore

Il dolore è sempre salmastro.
Si cela nella pancia e nella gola.
Secca e incava le fenditure degli occhi.
Segretamente si conficca nella carne.
Spasima agli angoli della bocca.
Gocciola in ogni accesso della pelle.
Lava le guance come un rigagnolo.
Esce a fiotti come una polla.
A volte, con stento,
Si distacca in un’unica goccia…
la più provvista di tutti gli oceani.

Direzione sconosciuta

Tempo distratto,
che scivoli sulla porta
della mia casa,
non farmi accorgere,
che laddove ti sei ficcato,
i libri coperti di polvere
voltano pagine
di muri incanutiti.
Trattienimi nella stanza
senza chiusure,
dove
il ritratto della compassione
gira i fogli
del mio libro inconcluso.

Quale giardino

Il giardino

dove mi perdo,

dove scopro che esistono i colori,
dove annuso gli odori,
dove la vita è divenire,
dove la morte è apparenza,
dove il mio sguardo si disseta,
dove le stagioni imperversano,
dove non vorrei mai uscire,
dove non mi sento sola,
dove i ricordi parlano,
dove prego,
dove piango,
dove pianto,
dove sento il rimpianto,
dove vedo il futuro.

Quando mi sporco le mani,
quando sudo di fatica,
quando aspetto che fiorisca,
quando per gli altri non esisto,
quando ascolto il vento,
quando è tempo che me ne vada,
quando conto i miei passi,
quando guardo il cielo,
quando piego la schiena,
quando mi inginocchio,
quando recido un fiore.

74f0490e55e2f4197f541802123f3f22.jpg

un soffio di vento